Marche, Novità

Bando INNOVAZIONE DI PRODOTTO SOSTENIBILE E DIGITALE PR MARCHE FESR 2021/2027

INNOVAZIONE DI PRODOTTO SOSTENIBILE E DIGITALE PR MARCHE FESR 2021/2027 – ASSE 1 – OS 1.1– AZIONE 1.1.2 – intervento 1.1.2.1 – Sostegno a progetti di innovazione e diversificazione di prodotto o servizio negli ambiti della strategia regionale per la specializzazione intelligente 2021-2027.

 

 

 

 

OBIETTIVI:

Il presente bando è attuato ai sensi dell’art. 8 “Progetti per l’innovazione e la diversificazione di prodotto o servizio delle PMI” della legge regionale n. 2 del 04/02/2022, a valere sulle risorse del PR FESR 2021-2027 della Regione Marche.
Con questa iniziativa la Regione Marche intende supportare progetti di innovazione e di diversificazione del prodotto o del servizio che prevedano soluzioni innovative basate sulla “twin transition” (innovazione sostenibile/circolare e innovazione digitale), nonché l’adozione di adeguate strategie commerciali e di marketing incentrate sul prodotto innovato.
L’iniziativa ha l’obiettivo di rafforzare e rilanciare la presenza sui mercati delle PMI marchigiane operanti negli ambiti della S3 2021-2027, anche attraverso l’utilizzo di risorse e competenze esterne e servizi nel campo delle tecnologie applicate, delle tecnologie digitali, dell’ingegneria, del design e delle discipline artistiche, del marketing e della comunicazione e della tutela dei diritti di proprietà intellettuale.

BENEFICIARI

Tutte le MPMI IN FORMA SINGOLA o AGGREGATA.

DOTAZIONE FINANZIARIA

€ 28.000.000,00

RISERVA

Una riserva di € 5.000.000,00 sarà destinata al finanziamento dei progetti presentati da imprese localizzate nei borghi di cui all’art. 3 della legge regionale n. 29/2021.

INTERVENTI AMMISSIBILI:

Sono ammissibili i progetti d’impresa volti ad introdurre soluzioni innovative di prodotto o di servizio basate sulla transizione digitale e sostenibile, in un’ottica di promozione della digitalizzazione e di riconversione dell’attività produttiva verso un modello di economia circolare e sviluppo sostenibile, e che prevedano l’adozione di adeguate strategie commerciali e di marketing incentrate sul prodotto innovato.

I progetti dovranno obbligatoriamente contemplare interventi in tutte e tre le seguenti categorie:

a) TRANSIZIONE DIGITALE: ampliamento e/o ridefinizione della gamma di prodotti e/o servizi mediante soluzioni basate sulla digitalizzazione applicata al prodotto/servizio medesimo, delle quali si riporta un elenco a titolo esemplificativo ma non esaustivo:
– Prodotti smart e connessi
– Tecnologie indossabili
– Digital Twin, o gemelli digitali, rappresentazioni dinamiche di oggetti fisici,
sistemi, processi o persone basate su raccolta ed elaborazione di dati
– Visualizzazioni virtuali di prodotti e simulazioni/configurazioni
– Adozione di soluzioni PLM Product Lifecycle Management e sistemi di
Generative Design
– Manifattura additiva
– Etichettatura intelligente per la tracciabilità
– Collezioni digitali esclusive per gli ambienti virtuali e il metaverso.

b) TRANSIZIONE SOSTENIBILE: ampliamento e/o ridefinizione della gamma di prodotti e/o servizi mediante soluzioni basate sulla transizione ecologica applicata al prodotto/servizio medesimo delle quali si riporta un elenco a
titolo esemplificativo ma non esaustivo:
– Passaggio all’uso di materiali rinnovabili di origine sostenibile
– Aumento della durabilità, riparabilità o riutilizzabilità del prodotto, in
particolare nelle attività di progettazione e di fabbricazione
– Aumento della riciclabilità del prodotto
– Riduzione sostanziale del contenuto di sostanze pericolose nella
realizzazione del prodotto
– Progettazione per la longevità, il cambio di destinazione, lo smontaggio del
prodotto;
– Installazione di sistemi di gestione e monitoraggio dell’energia;
– Installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti a fonte
rinnovabile per la produzione e la distribuzione dell’energia termica e/o
elettrica all’interno dell’unità produttiva;
– Utilizzo di sistemi per l’autoconsumo di energie rinnovabili come l’energia
solare, eolica, idrica o geotermica per ridurre l’uso di combustibili fossili e
le emissioni di gas serra.

c) STRATEGIA DI VENDITA: soluzioni finalizzate a favorire la commercializzazione dei nuovi prodotti attraverso attività volte all’innovazione della strategia promozionale nei mercati obiettivo, il ricorso a temporary export manager e digital export manager in affiancamento al personale aziendale, analisi e ricerche di mercato per l’individuazione di nuovi mercati e fornitori, sviluppo e rafforzamento dell’immagine aziendale e/o del
brand, implementazione del sito web aziendale ai fini dello sviluppo di attività di promozione digitale dell’export, il marketing digitale attraverso uno o più canali digitali, business on line quale attività di innovazione del processo commerciale, social media marketing compreso l’utilizzo degli influencers, di storytellers e storytelling.
Le spese relative alla strategia di vendita dovranno costituire almeno il 10% dell’importo dell’investimento complessivo ammissibile del Progetto.

INVESTIMENTO AMMESSO

Il costo totale ammissibile del progetto di investimento non deve essere inferiore ad Euro 25.000,00 per i progetti realizzati in forma singola e ad Euro 100.000,00 per i progetti realizzati in forma aggregata.

SPESE AMMISSIBILI

– Personale, per un importo riconosciuto forfettariamente nella percentuale del 20% dei costi diretti dell’operazione, diversi dai costi del personale;
– strumenti, attrezzature;
– servizi di consulenza;
– brevetti, marchi e certificazioni;
– materiali, forniture e prodotti analoghi;
– spese generali, calcolate con un tasso forfettario fino al 7% dei costi diretti ammissibili.

 

INTENSITA’ DELL’AGEVOLAZIONE

TIPOLOGIA DELLE SPESE RIFERIMENTI NORMATIVI INTENSITÀ DI AIUTO
Micro e Piccole imprese Medie imprese
 

 

 

 

 

 

 

Spese per beni strumentali e immateriali

Art. 17 Reg. (UE) 651/2014 e

s.m.i.     –     in     regime     di

esenzione

 

20%

 

10%

Art. 14 Reg. (UE) 651/2014 e

s.m.i. – in regime di esenzione (maggiorazione del 15%), nel caso in cui l’unità produttiva oggetto del progetto di investimento sia localizzata e operativa al momento della concessione nelle aree ammesse alla deroga di cui all’articolo 107, paragrafo 3, del TFUE previste dalla Carta degli aiuti   di   Stato   a   finalità

regionale 2022/2027

 

 

 

 

 

 

35%

 

 

 

 

 

 

25%

 

Costi       dei       servizi       di consulenza

Art. 18 Reg. (UE) n. 651/2014 e s.m.i – in regime di esenzione  

50%

Costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali; costi di messa a disposizione di personale altamente qualificato; costi per i servizi di consulenza e di sostegno

all’innovazione

 

 

 

Art. 28 Reg. (UE) n. 651/2014 e s.m.i – in regime di esenzione

 

 

 

 

50%

 

N.B. Il contributo regionale non potrà superare il valore di Euro 200.000,00.

 

TERMINI DI PRESENTAZIONE

Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 10:00 dell’ 8 gennaio 2024 ed entro le ore 13:00 del 10/05/2024 (fa fede la data della ricevuta rilasciata dal sistema informatico).

 


Lo Studio CNI Finanza Agevolata è a disposizione per predisporre la domanda di accesso agli aiuti e per seguire l’azienda nel corso dell’iter fino all’ottenimento del contributo.

Per maggiori informazioni contattare i seguenti recapiti:

Studio: 351.5838315

Mail: info@contributinuovaimpresa.it

 

 


Continua a seguire il nostro sito per essere puntualmente aggiornato su tutte le notizie e le novità relative alle agevolazioni per le imprese

 

 

 

 

Contattaci compilando gratuitamente il seguente form

Entro 24 ore riceverai una risposta se hai i requisiti per accedere al bando e le modifiche da apportare al progetto per ottimizzare l’ammissione al contributo

Seleziona una regione:

Seleziona una provincia:

Seleziona un comune:

Cliccando la checkbox accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

I tuoi dati saranno trattati nel rispetto della legge sulla privacy n.196/2003.

 

 

Pubblicato da:

Relativi Posts