Molise, Novità

Finanziamenti agevolati fino al 100% alle imprese: investimenti e liquidità – Regione Molise

Approvate nell’ambito del Fondo regionale due nuove linee di intervento destinate a
finanziare gli investimenti in beni materiali ed immateriali connessi all’attività e già ultimati da non oltre 6 mesi dalla data di presentazione della domanda, nonché quelli ancora in corso o da realizzare ed esigenze di reintegro del capitale circolante.

 

Descrizione: La regione Molise ha ampliato le linee di intervento, del Fondo regionale per le imprese (FRI), istituito ai sensi della L.R. 18 aprile 2014, n. 11, per finanziare interventi a favore delle PMI operanti nelle aree di crisi complessa e semplice:

  1. Linea di intervento per investimenti in beni materiali e immateriali;
  2. Linea di intervento per soddisfare il capitale circolante.

Linea di intervento 1

Finalità: Il prestito è finalizzato a finanziare gli investimenti in beni materiali ed immateriali connessi all’attività e già ultimati da non oltre 6 mesi dalla data di presentazione della domanda, nonché quelli ancora in corso o da realizzare.
Attrezzature e macchinari possono essere finanziati anche attraverso la forma tecnica della locazione finanziaria strumentale (leasing).
Il prezzo di acquisto delle attrezzature e dei macchinari dovrà risultare coerente con quello di mercato.

Beneficiari: Le PMI iscritte nel registro delle imprese.
Settori ammessi: Sono ammissibili al prestito i settori di attività manifatturiero, delle costruzioni, dei servizi alle imprese, del commercio e dell’agricoltura.
Sono ammissibili anche i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi dell’articolo 1, comma 5 bis del decreto legge n. 69/2013.

Le imprese che intendono accedere al prestito devono essere in attività nonché essere finanziariamente ed economicamente sane.
Non possono fruire del prestito le imprese che si trovino in stato di liquidazione o che siano sottoposte a procedura concorsuale o versino in stato di insolvenza o, ancora, siano classificabili “in difficoltà”.
Ulteriore requisito richiesto è la regolarità contributiva certificata dagli Enti preposti.

Caratteristiche ed entità dell’agevolazione:

  • Prestito chirografario o mutuo ipotecario o locazione finanziaria strumentale (leasing);
  • Copertura massima 100% degli acquisti per investimenti al netto di IVA;
  • Importo min € 25.000,00 – max € 375.000,00;
  • Ammortamento: Rate/Canoni costanti (piano ammortamento francese);
  • Per il leasing è previsto il versamento di un maxicanone alla stipula e di un prezzo di riscatto al termine della locazione. Possono essere previsti anche piani di ammortamento composto da rate flessibili con quote di capitale crescenti;
  • Durata: max 144 mesi. E’ possibile prevedere un periodo di preammortamento massimo di 24 mesi;
    L’erogazione può avvenire in unica soluzione ovvero a stato avanzamento lavori (S.A.L);
  • Periodicità rate: mensile;
  • Tan: tasso EURIBOR 6 MESI/360;
  • Spese di sitruttoria: 0,50% del prestito concesso con minimo 250 euro.

Linea di intervento 2

Finalità: Il prestito è finalizzato a fare fronte ad esigenze di reintegro del capitale circolante.

Beneficiari: Le PMI iscritte nel registro delle imprese.
Settori ammessi: Sono ammissibili al prestito i settori di attività manifatturiero, delle costruzioni, dei servizi alle imprese, del commercio e dell’agricoltura.
In conformità alla normativa nazionale sono considerati ammissibili ai benefici delle agevolazioni di cui al presente Regolamento anche i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi dell’articolo 1, comma 5 bis del decreto legge n. 69/2013.
Le imprese che intendono accedere al prestito devono essere in attività nonché essere finanziariamente ed economicamente sane.
Non possono fruire del prestito le imprese che si trovino in stato di liquidazione o che siano sottoposte a procedura concorsuale o versino in stato di insolvenza o, ancora, siano classificabili “in difficoltà”.
Ulteriore requisito richiesto è la regolarità contributiva certificata dagli Enti preposti.

Caratteristiche ed entità dell’agevolazione:

  • Prestito chirografario;
  • Importo min € 25.000,00 – max € 50.000,00;
  • Ammortamento: Rate costanti (piano ammortamento francese) o rate flessibili con quote di capitale crescenti;
  • Durata: max 96 mesi. E’ possibile prevedere un periodo di pre-ammortamento massimo di 18 mesi.
  • Periodicità rate: mensile;
  • Tan: tasso EURIBOR 6 MESI/360;
  • Spese di istruttoria: 0,50% del prestito concesso con minimo 150 euro.

Termini di presentazione: Fino ad esaurimento fondi.

 

 

Contattaci compilando gratuitamente il seguente form

Entro 24 ore riceverai una risposta se hai i requisiti per accedere al bando e le modifiche da apportare al progetto per ottimizzare l’ammissione al contributo

Seleziona una regione:

Seleziona una provincia:

Seleziona un comune:

Cliccando la checkbox accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

I tuoi dati saranno trattati nel rispetto della legge sulla privacy n.196/2003.

 

Pubblicato da:

Relativi Posts

Lascia un Commento

Lascia un Commento

Your email address will not be published.