Marche

Contributi a fondo perduto fino al 60% per investimenti nelle aziende agricole – Regione Marche

 

 

Obiettivi e finalità

Il Bando, è finalizzato a garantire il sostegno a favore delle imprese del settore della produzione primaria in agricoltura al fine di accrescerne la competitività, promuovere l’adeguamento e/o ammodernamento delle loro strutture produttive nonché il miglioramento della sostenibilità globale delle stesse, anche in termini di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Le finalità, che si intendono perseguire in particolare sono le seguenti:

  • l’introduzione di nuove tecnologie;
  • l’introduzione di innovazione di processo;
  • il miglioramento del benessere degli animali;
  • il miglioramento della sicurezza sul lavoro;
  • il miglioramento della sostenibilità ambientale delle attività produttive aziendali;
  • l’introduzione di sistemi volontari di certificazione di qualità;
  • la riconversione produttiva rivolta al mercato;
  • l’introduzione e il miglioramento delle fasi della trasformazione e commercializzazione e/o vendita diretta
    dei prodotti aziendali.

Ambito territoriale

La Sottomisura si applica a tutto il territorio regionale.

Beneficiari

I destinatari del bando sono Imprenditori agricoli singoli e associati. Possono beneficiare del sostegno anche gli enti pubblici o associazioni agrarie comunque denominate (comunanze, università, ecc.) a condizione che conducano direttamente i terreni agricoli di cui hanno la disponibilità.

Requisiti del richiedente

I soggetti richiedenti al momento della presentazione della domanda debbono essere imprenditori agricoli
ai sensi dell’art. 2135 del codice civile.

Tipologia dell’intervento

Sono considerate ammissibili le attività avviate e le spese sostenute dal beneficiario dal giorno successivo la presentazione della domanda di sostegno (eleggibilità della spesa). Tale disposizione si applica anche alle caparre e agli anticipi, per cui non sono ammissibili se effettuati anteriormente alla data di presentazione della domanda.
Fanno eccezione le spese propedeutiche alla presentazione della domanda riconducibili a voci di costo per prestazioni immateriali: onorari di professionisti e consulenti, studi di fattibilità. Per tali tipologie sono ammissibili le spese sostenute nei dodici mesi antecedenti la presentazione della domanda di sostegno.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di intervento:

  1. Fabbricati strumentali all’attività agricola: sono consentiti lavori di costruzione, ristrutturazione e miglioramento di fabbricati aziendali produttivi, di dimensione commisurata alle esigenze dell’attività agricola e di tipologia costruttiva adeguata alla specifica destinazione d’uso e nel rispetto dei vincoli e delle disposizioni  delle “Norme edilizie in territorio rurale”;
  2. Macchine e attrezzature nuove e/o usate tecnologicamente avanzate, rapportate alle effettive esigenze aziendali;
  3. Apparecchiature e strumentazioni informatiche nuove, compreso il relativo software gestionale, e/o
    direttamente connesso alle attività aziendali. Non è ammissibile alcun caso il software per la gestione di siti di commercio elettronico;
  4. Investimenti, anche collettivi, per ricoveri in alpeggio e per i punti d’acqua in area montana: abbeveratoi, fontanili, microinvasi, opere di captazione destinati a garantire il rifornimento idrico e il ricovero per gli animali allevati al pascolo (gestione dei pascoli, recinzioni e opere di contenimento e cattura dei capi, punti di abbeveraggio, impianti per l’alimentazione di allevamenti allo stato brado);
  5. Opere di miglioramento fondiario: impianti, capannine agro-metereologiche aziendali, dispositivi per la raccolta delle acque contaminate, opere di viabilità ed elettrificazione aziendale, recinzioni, costruzione e/o ristrutturazione di invasi, opere di viabilità, impianti di irrigazione, opere di sistemazione idraulico-agraria;
  6. Impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili: fotovoltaico, eolico-idraulica, geotermica, caldaie e pirogassificatori alimentati con legname di produzioni aziendali;
  7. Acquisto terreni: è consentito entro il limite massimo del 10% del costo totale degli investimenti ammessi all’aiuto della presente sottomisura, nel solo caso di giovani agricoltori che si insediano per la prima volta, e che presentano domanda di sostegno relativa alla presente sottomisura nell’ambito del “pacchetto giovani”;
  8. Contributi in natura: possono essere ammessi contributi in natura, per i quali non è stato effettuato alcun pagamento in denaro giustificato, da fatture o documenti di valore probatorio equivalente qualora siano soddisfatti tutti i seguenti criteri.

Tipologia ed entità dell’aiuto

L’aiuto è concesso nella forma di Contributo in conto capitale variabile dal 30% al 60% delle spese ammissibili.

Risorse disponibili

30 milioni di euro.

Termini di presentazione

Le domande possono essere presentate a partire dal giorno 20 gennaio 2022 e fino al giorno 19 maggio 2022, ore 13.00

 

 


Continua a seguire il nostro sito per essere puntualmente aggiornato su tutte le notizie e le novità relative alle agevolazioni per le imprese

 

 

 

 

Contattaci compilando gratuitamente il seguente form

Entro 24 ore riceverai una risposta se hai i requisiti per accedere al bando e le modifiche da apportare al progetto per ottimizzare l’ammissione al contributo

Seleziona una regione:

Seleziona una provincia:

Seleziona un comune:

Cliccando la checkbox accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

I tuoi dati saranno trattati nel rispetto della legge sulla privacy n.196/2003.

Pubblicato da:

Relativi Posts