Abruzzo

Bando CCIAA Chieti Pescara: Contributo fino al 70% per l’acquisto di Dispositivi di Protezione Individuali e dei Servizi per il contrasto e il contenimento della diffusione del COVID – 19

 

Finalità

In considerazione dell’emergenza sanitaria da Covid19 in corso e con l’obiettivo di supportare le imprese del territorio, la Camera di Commercio Chieti Pescara istituisce un contributo a fondo perduto destinato alle micro, piccole e medie imprese (di seguito MPMI) delle province di Chieti e di Pescara per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus nei luoghi di lavoro, e per l’adeguamento ai protocolli di regolamentazione delle misure anti Covid19 e dalle conseguenti disposizioni normative relative alla cosiddetta “Fase2” di riapertura delle attività produttive e commerciali.

Fondo Stanziato

La somma stanziata per l’iniziativa di cui al presente Bando ammonta all’importo complessivo di 1.000.000 di euro.

Il 30% di tali risorse, pari ad €. 300.000,00 verrà destinato in via prioritaria alle aziende della filiera del turismo, appartenenti ai seguenti Codici Ateco:

I 55 Alloggio;

I 56 Attività dei servizi di ristorazione;

N 77.11 Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri;

N 77.21 Noleggio di attrezzature sportive e ricreative;

N 77.29.10 Noleggio di biancheria da tavola, da letto, da bagno e di articoli di vestiario;

N 79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse;

N 82.30 Organizzazione di convegni e fiere

R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento;

R 91.02 Attività di musei;

R 91.03 Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili;

R 93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento;

S 96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie.

Beneficiari

Sono ammesse ai benefici del presente bando le imprese che posseggano, alla data di presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

  1. siano MPMI ed abbiano sede legale oppure unità locale nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio Chieti Pescara. Nell’ipotesi in cui l’impresa abbia la sola unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio Chieti Pescara, il contributo richiesto deve essere riferito agli investimenti effettuati nell’unità operativa di zona (da precisare nella relazione sintetica allegata);
  2. siano iscritte nel Registro delle imprese e siano in regola con il pagamento del diritto annuale camerale.

Caratteristiche dell’incentivo

Il contributo consiste in un apporto a fondo perduto erogato in un’unica soluzione finalizzato al rimborso delle spese sostenute per l’acquisto delle attrezzature, dei dispositivi di protezione individuali certificati e di tutti i servizi necessari ad adeguare i propri siti produttivi, negozi, strutture ricettive, cantieri, luoghi di lavoro alle prescrizioni ed adempimenti stabiliti per prevenire e contrastare il diffondersi del virus secondo il protocollo di regolamentazione e le indicazioni delle autorità competenti.

L’entità massima del contributo non può superare il 70% delle spese ammissibili, al netto dell’IVA, e comunque fino ad un massimo di € 2.500,00.

Spese ammissibili

A titolo esemplificativo ma non esaustivo, le seguenti spese sostenute a partire dal 23 febbraio 2020:

  • interventi straordinari di sanificazione ed igienizzazione degli ambienti di lavoro e dei luoghi aperti al pubblico;
  • adeguamento strutturale dei locali in ottemperanza alle normative riferite al contrasto della diffusione del Covid-19;
  • attrezzature per la sanificazione ed igienizzazione degli ambienti di lavoro e dei luoghi aperti al pubblico (quali ad esempio nebbiogeno igenizzante, ozonizzatori etc.;
  • acquisto di beni, attrezzature e dispositivi necessari a contrastare la diffusione del virus (ad esempio barriere protettive in plexiglass, telecamere termografiche radiometriche, termoscanner, cartelli normativi, colonnine segna percorso, DPI – Dispositivi di Protezione Individuale, purché muniti di certificazione CE).

La documentazione comprovante l’importo della spesa ammissibile e finanziabile dal presente bando è la fattura di acquisto dei beni e servizi, debitamente quietanzata.

Ai fini dell’accesso al contributo le spese suddette devono:

  • essere non inferiori a euro 500,00 (cinquecento/00);
  • non essere oggetto di ulteriori forme di rimborso o remunerazione in qualunque forma e a qualsiasi titolo.

Termini di presentazione

Le domande di concessione del contributo devono essere presentate dalle ore 9,00 del 28 maggio, e fino alla chiusura del bando fissata alle ore 21:00 del 31 luglio 2020.

Documentazione da allegare alla domanda

Nella domanda dovranno essere allegati:

  • la relazione sintetica circa la finalità delle spese sostenute;
  • le fatture delle spese sostenute, debitamente quietanzate. (Nel caso di richiesta contributo per l’acquisto di DPI, saranno ammesse le sole fatture attestanti l’acquisto di DPI certificati CE.);
  • qualora la fattura non sia stata ancora emessa al momento della presentazione della domanda, andranno allegati i preventivi dei beni/servizi da acquistare. In tal caso la domanda potrà essere accolta con riserva, subordinatamente alla presentazione delle rispettive fatture quietanzate, che dovrà avvenire attraverso la piattaforma Telemaco, entro il termine perentorio di 30 giorni dalla pubblicazione degli elenchi delle domande ammesse con riserva sul sito camerale;
  • il Modello F23 relativo al versamento dell’imposta di bollo (€ 16,00).

 

 

Continua a seguire il nostro sito per essere puntualmente aggiornato su tutte le notizie e le novità relative alle agevolazioni per le imprese

 

 

 

Contattaci compilando gratuitamente il seguente form

Entro 24 ore riceverai una risposta se hai i requisiti per accedere al bando e le modifiche da apportare al progetto per ottimizzare l’ammissione al contributo.

Seleziona una regione:

Seleziona una provincia:

Seleziona un comune:

Cliccando la checkbox accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

I tuoi dati saranno trattati nel rispetto della legge sulla privacy n.196/2003.

Pubblicato da:

Relativi Posts